Due paesi coinvolti (Oltre il Colle e Serina), quattro cime (Menna, Arera, Grem e Alben) da scalare, due diverse gare con oltre 250 iscritti (record), un percorso tutto nuovo per la skyrace, tanto pubblico a scaldare l’entusiasmo dei corridori del cielo. La nona edizione della Maga Skymarathon & Skyrace ha regalato emozioni a non finire. A transitare per primo sotto lo striscione d’arrivo a Serina è stato Cristian Minoggio. In ambito femminile la Maga ha incoronato per la sesta volta Emanuela Brizio. La mezza ha visto vincitori Adriano Ticozzelli e Daniela Rota.

comunicato stampa

maga_skymarathon_2016_ph_credit_Pierluigi_Palazzi (2) Minoggio

Cristian Minoggio vince la nona edizione della Maga Skymarathon – photo credit Pierluigi Palazzi

Maga Skymarathon – 39 km e 3000 m d+
Una corsa avvincente con i big che hanno subito acceso la miccia dando vita a una gara piena di colpi di scena. Cristian Minoggio, Maurizio Fenaroli, Luca Carrara e lo svizzero Roberto Delorenzi i protagonisti principali della skymarathon. Dopo una serie di rimescolamenti, è apparsa evidente la superiorità di Cristian Minoggio.

Transitato in solitaria sull’ultimo gpm di giornata (monte Alben), ha proseguito la cavalcata fino al traguardo, vincendo la nona edizione della Maga Skymarathon in 4h48’05”. In seconda posizione Luca Carrara, che chiude in 5h03’35” con un distacco di oltre 15′. Completa il podio Maurizio Fenaroli in 5h07’32”. Nella top ten Fabio Bonfanti, Roberto Delorenzi, Clemente Belingheri, Livio Rinaldi, Riccardo Faverio, Giambattista Micheli e Alex Viciani.

La gara delle donne si risolve in un assolo perfetto di Emanuela Brizio, che con il tempo finale di 5h56’22” pone il sesto sigillo personale sulla Maga Skymarathon (sei partecipazioni, sei vittorie). Sul podio anche Rossana Morè e Carolina Tiraboschi, altri due nomi prestigiosi che hanno scritto e continuano a scrivere pagine importanti della storia dello skyrunning al femminile.

Maga Skyrace 2016 Arera Lisa Buzzoni - photo credit Alberto Orlandi (C)

La salita iniziale della Maga Skyrace, in primo piano Lisa Buzzoni – photo credit Alberto Orlandi (C)

Maga Skyrace – 24 km e 1400 m d+ (nuovo percorso)
Buona la prima per Adriano Ticozzelli alla Maga Skyrace: l’atleta di Pasturo centra sulle Orobie il primo successo in carriera nella disciplina delle corse a fil di cielo. Ha controllato gli avversari e nel finale la stoccata vincente lo ha portato a transitare sotto lo striscione d’arrivo in 2h28’42”. Attardato di 4’23” Vincenzo Persico. Al terzo posto Paolo Poli. La corsa in rosa ha celebrato Daniela Rota: come Ticozzelli, si è costruita il successo accelerando nelle fasi finali. Alle sue spalle, sul podio, Debora Benedetti e Milena Pirola.

Un’edizione da incorniciare
Il comitato organizzatore della Maga Skymarathon & Skyrace, guidato da Davide Scolari, ringrazia atleti, volontari, sponsor, enti e istituzioni che hanno contribuito in maniera determinante alla brillante riuscita della manifestazione. Archiviata la nona edizione, è già tempo di pensare al 2017.

En.Ba.

Fulvio Dapit e la Maga Skymarathon. Un legame che parla di passione per la montagna, dedizione atletica, predisposizione per i percorsi più duri. Ma anche di salda amicizia fra grandi sportivi. Il campione friulano narra le peculiarità della gara bergamasca, la cui nona edizione è fissata in calendario domenica 4 settembre 2016.

maga skymarathon 2015 fulvio dapit credit pierluigi palazzi

Fulvio Dapit, vincitore di tre edizioni della Maga Skymarathon – ph. Pierluigi Palazzi

Sono giorni pieni di gioia, questi, per la famiglia Dapit. Stephanie ha dato alla luce Kendra, e così i due campioni di mountain running, marito e moglie, sono impegnati a fare i genitori di una bellissima bimba che già settimana prossima avrà la fortuna di essere presente a una gara. Non una gara qualsiasi, ma bensì la più temuta, amata ed estrema: il Trofeo Kima, al quale il papà prenderà il via fra i top runner. Simile al Kima per le caratteristiche tecniche del percorso, la Maga Skymarathon si accinge a compiere nove anni. Sulle prealpi Orobie, l’edizione di domenica 4 settembre promette emozioni a fil di cielo per chi affronterà la marathon e reazioni di piacevole sorpresa per quanti assaggeranno il nuovo percorso della mezza.

Sfogliando l’albo d’oro della Maga Skymarathon, il nome di Fulvio Dapit è stampato sulle ultime tre edizioni della gara. La competizione di skyrunning bergamasca è composta da 4 vette da scalare con un chilometraggio complessivo di 39 km e un dislivello positivo di 3000 metri. Il gioco si fa duro, dunque, alla Maga, e i duri come lui non si tirano indietro. Corrono forte e senza intoppi, superando tutte le pendenze che incontrano sul cammino. Ma la Maga non è un gioco: è fatica, una lunga fatica da srotolare su sentieri ripidi, creste infinite e salti rocciosi. «Con la Maga Skymarathon ho un rapporto particolare – racconta l’atleta del Team Crazy Idea La Sportiva – quando l’ho scoperta nel 2007 ero di ritorno dalla Malesia. Mi ero rotto una mano e dovevo correre per forza la gara bergamasca, in quanto prova del campionato italiano. Nel tempo l’amicizia con Elio Carrara e Carolina Tiraboschi, grandi atleti e organizzatori in prima linea, si è rafforzata».

Spesso ospite a Serina dagli amici skyrunner Elio e Carolina, Dapit ne approfitta per allenarsi sul percorso di gara. Scarpette ai piedi, ha battuto l’Alben in lungo e in largo. Il monte, ultima delle quattro vette della Maga, non è di facile digestione. Eppure Dapit si è sempre assicurato la vittoria proprio lì. «La Maga è una gara con tante salite e discese impegnative e un notevole dislivello, difficoltà che mi si addicono. Bisogna spingere dall’inizio alla fine, non si può esagerare, chi forza in discesa paga la salita. Il minimo errore può risultare fatale per la buona riuscita della gara. Sull’asperità finale si decide la corsa: è quindi fondamentale arrivarci lucidi per poter correre con attenzione e velocità. L’ascesa infatti è dura, la discesa tecnica, e poi ci si deve concentrare ancora nella lunga picchiata verso il traguardo».

Quest’anno Fulvio Dapit cederà ad altri lo scettro spettatogli tre volte. Sempre alla ricerca di nuovi stimoli e di nuove sfide che lo arricchiscano nello spirito, si sta dedicando alle ultra trail del World Tour, spostandosi quindi da una nazione all’altra, tornando allo skyrunning solo per Zegama e Kima. «Faccio parte del Team Crazy Idea La Sportiva sebbene sia l’unico atleta del team che pratichi l’ultra trail. Mi hanno sempre sostenuto, non sono semplici sponsor ma amici di famiglia, con cui voglio restare».

Manca poco alla nona edizione della Maga Skymarathon & Skyrace, una gara che ha il sapore delle sfide in alta montagna, dove ci si confronta con il cronometro ma anche con se stessi, una corsa che non va sottovalutata, un traguardo che ripaga la lunga fatica. Le iscrizioni sono aperte, conviene affrettarsi e prenotare subito un pettorale. Appuntamento a Oltre il Colle e Serina, in provincia di Bergamo, domenica 4 settembre, ricalcando quei sentieri in cui Fulvio Dapit ha messo per ben tre volte il proprio sigillo.

ufficio stampa Maga Skymarathon & Skyrace
E.B.

A distanza di tre mesi dalla nona edizione della Maga, aprono le iscrizioni all’evento in programma domenica 4 settembre 2016 sulle Orobie bergamasche, l’affascinante corsa sulle quattro famose vette che abbracciano la conca di Oltre il Colle: Menna, Arera, Grem e Alben.

Maga 2015 passaggio ph pierluigi palazzi

39 km, 3000 m d+, 4 vette, 6 passi, cima coppi il pizzo Arera a quota 2512: un tracciato variegato e tecnico, dal carattere alpinistico, che sulle creste regala panorami mozzafiato. Questa la Maga Skymarathon, che si appresta a vivere la nona edizione ed è già entrata a pieno titolo nelle antologie delle corse a fil di cielo.

Affiancata alla corsa più lunga, il comitato organizzatore propone la più accessibile ma sempre di grande appeal Maga Skyrace, disegnata su un percorso nuovo di zecca con partenza sulle pendici dell’Arera, a quota 1600, e uno sviluppo complessivo di 24 km e 1450 m d+.

Epilogo di entrambe le gare a Serina, località prealpina ricca di storia e opere d’arte, borgo nevralgico dell’antica Via Mercatorum. Presso il centro sportivo del paese è posto il traguardo, dove poi la giornata proseguirà con il terzo tempo, il cui gustoso menù prevede pranzo, cerimonia di premiazione ed estrazione della sottoscrizione a premi.

L’inedito tracciato della Maga Skyrace non è la sola invitante novità di quest’anno. Le due corse sono state designate come prove uniche di campionato regionale Fisky. Assegnazione prestigiosa che accrescerà la battaglia per la conquista del titolo lombardo.

maga skymarathon 2015 fulvio dapit ph credit pierluigi palazzi

Partecipare alla Maga Skymarathon & Skyrace è semplice e sin da ora gli atleti possono aderire e garantirsi pettorale e pacco gara (assicurato ai primi 300 iscritti). È sufficiente seguire la procedura online collegandosi al sito ufficiale dell’evento www.magaskymarathon.it alla voce “iscrizioni” o sul portale www.picosport.net.

La quota di iscrizione alla Maga Skymarathon è di euro 40 (di cui 10 euro di cauzione per il chip, che verranno restituiti) e la quota di iscrizione alla Maga Skyrace è pari a 35 euro (di cui 10 euro di cauzione per il chip che verranno restituiti).

Da considerare inoltre l’offerta riservata ai team: con pagamento unico per un gruppo di almeno 10 atleti appartenenti alla stessa società, viene effettuato uno sconto di 2 euro per ciascun iscritto. Perciò il consiglio è di cominciare a parlarne con i compagni di squadra, inserire in agenda la gara, impostare già la preparazione e comporre così il gruppo che parteciperà alla gara del 4 settembre.

Scegliete il percorso più adatto a voi. Maga Skymarathon & Skyrace, correre a fil di cielo scoprendo le meraviglie della Val Serina: Menna, Arera, Grem e Alben.

ufficio stampa
Enula Bassanelli

Cresce il prestigio della già rinomata gara bergamasca. La Maga Skymarathon e Skyrace è in programma in val Serina (Bg), nel cuore del Parco delle Orobie bergamasche, il 4 settembre 2016. E la novità riguarda una decisione assunta direttamente da Fisky: la nona edizione della Maga, infatti, assegnerà le medaglie dei campionati regionali assoluti di skymarathon e skyrace.

maga 2015

Oltre il Colle/Serina (Bg), aprile 2016 – Il format vincente che prevede due gare sulle Orobie bergamasche, la Maga Skymarathon e la Maga Skyrace, da oggi diventa un appuntamento ancora più imperdibile. Sì, perché quest’anno la Maga è valida come campionato regionale Fisky. Per la precisione, domenica 4 settembre, nella conca di Oltre il Colle, andranno in scena la skymarathon e la skyrace, ed entrambe le prove assegneranno i titoli lombardi designati dalla federazione italiana di skyrunning.

La scelta della Fisky riempie di soddisfazione il comitato organizzatore che è già al lavoro per allestire la nona edizione della Maga. Standard di qualità elevati e caratteristiche tecniche da vera sky sono certamente alcuni dei parametri che hanno convinto la federazione.

La nona edizione riserverà grosse sorprese: in serbo ci sono interessanti cambiamenti che riguardano soprattutto la Maga Skyrace. È ancora presto per svelarle (restate sintonizzati per i dettagli…) ma è già il momento di programmare la seconda fase della stagione e mettere in calendario l’evento orobico, fra i più rinomati del panorama italiano.

Appuntamento a Oltre il Colle e Serina domenica 4 settembre!